Salta al contenuto
Rss




Lago della SpinaLe prime notizie riguardanti l’invaso del Lago della Spina si trovano nelle Lettere Patenti emanate il 28 agosto del 1827 da Sua Maestà Carlo Felice, con le quali veniva dichiarata la pubblica utilità dell’opera, mentre risale al 1835 il il Regolamento per il buon governo delle acque del serbatoio, emanato da Carlo Alberto di Savoia.
L’invaso fu costruito per volere del Conte Carlo Beraudo di Pralormo Segretario di Stato per gli affari dell’interno e del Marchese Carlo Emanuele Ferrero Della Marmora, Colonnello di cavalleria e Maggiore Comandante delle Guardie del Corpo Reale; il progetto per la costruzione della diga, andato perso negli anni, venne redatto dell’ingegner Barabino.
Lo scopo iniziale della diga, che sbarra ancora oggi la piccola valle del rio Torto nel territorio del comune di Pralormo, era quello di raccogliere le acque piovane per destinarle all’irrigazione. Anticamente erano previste un numero minimo di tre “bagnature” dei fondi concessionari delle acque del lago, i quali ammontavano nel totale a circa 300 ettari di coltivazioni.
Nel 1929 l’ing. Giovanni Bellincioni dell’Associazione delle Acque Pubbliche d’Italia definisce la diga della Spina: “Una grande diga in terra che sfida il tempo”; non solo, ma nel suo resoconto afferma che la diga “…ha oggi una eccezionale importanza, non tanto per la sua esistenza quasi secolare, …quanto perché essa ha dimensioni e struttura in pieno disaccordo con quanto prescrive il Regolamento dighe. Manca di un vero e proprio scarico di fondo e di uno scarico di superficie e ha l’opera di presa (torre e condotta) rilevata nel corpo della diga, cosa vietata in modo assoluto dalle buone norme della tecnica e dal regolamento governativo”.
Dalla banca dati della Direzione Generale per le Infrastrutture Idriche ed Elettriche (Ministero Infrastrutture e Trasporti) risulta che la diga de La Spina, siglata con il numero di archivio 14A, è la più antica tra le "grandi dighe" italiane (ossia quelle che sono più alte di 15 m o che invasano più di un milione di metri cubi). Infatti i relativi lavori di costruzione sono stati ultimati nel 1830 mentre le sorelle più giovani “Bunnari Basso” (SS) e “Lago Lavezze” (GE) sono state ultimate rispettivamente nel 1879 e nel 1883.






Inizio Pagina Comune di PRALORMO (TO) - Sito Ufficiale
Via Umberto I, 16 - 10040 PRALORMO (TO) - Italy
Tel. (+39)011.9481103 - Fax (+39)011.9481723
Codice Fiscale: 84502010014 - Partita IVA: 02007500016
EMail: posta@comune.pralormo.to.it
Posta Elettronica Certificata: protocollo@pec.comune.pralormo.to.it
Web: http://www.comune.pralormo.to.it


|